mercoledì 30 gennaio 2008

Nuovi limiti per assegni e pagamenti in contanti


Le norme antiriciclaggio impongono già adesso che gli assegni di importo superiore a 12.500 euro debbano obbligatoriamente riportare la dicitura "non trasferibile", inoltre non è possibile effettuare pagamenti con denaro contante per importi superiori sempre a 12.500 euro.

Con l'approvazione del decreto legislativo n.231 del 21 novembre 2007, a partire dal 30 aprile 2008, tale limite verrà abbassato a 5.000 euro sia per i pagamenti in contanti che per la possibilità di emettere assegni liberamente trasferibili. Anche nel caso l'operazione di pagamento venga artificiosamente frazionata sarà comunque necessario rispettare tale limite.

Il decreto introduce anche altre importanti novità.
  • Gli assegni bancari e circolari saranno sempre consegnati con la dicitura "non trasferibile" a meno che il cliente non richieda, per iscritto e dietro il pagamento di un bollo pari a 1,50 euro per ogni assegno, il rilascio di assegni trasferibili.
  • Gli assegni bancari e postali emessi all’ordine di chi emette l'assegno, che riportano quindi come beneficiario "mio proprio", non potranno essere girati ad altri soggetti ma solo incassati presso una banca.
  • Gli assegni che è possibile girare (con importi al di sotto dei 5.000 euro) dovranno riportare i dati anagrafici completi del beneficiario e se quest'ultimo dovesse a sua volta girare l'assegno dovrà indicare nella girata anche il suo codice fiscale.
Queste due ultime indicazioni consentiranno quindi di poter risalire in ogni caso ad ogni persona che ha girato l'assegno. Adesso infatti accadeva di vedere assegni che riportavano una serie di scarabocchi al posto delle girate tali da rendere impossibile l'identificazione dei soggetti. Sicuramente darà un bel colpo a tutte quelle situazioni in cui circolava denaro in "nero" e renderà molto più agevole il lavoro degli organi di controllo. Nel caso qualcuno pensi di soprassedere a tali norme ricordo che sono previste sanzioni dall'1% al 40% del valore dell'assegno.

Nessun commento: