giovedì 21 febbraio 2008

Dimissioni solo on-line dal 5 marzo 2008

Dal prossimo 5 marzo per dimettersi dal posto di lavoro sarà obbligatorio procedere ad una nuova procedura on-line. Il dipendente può registrarsi presso un apposito sito internet dove compilerà e invierà al sistema informatico del ministero le proprie dimissioni oppure potrà rivolgersi a intermediari qualificati (Direzioni provinciali del lavoro, Comuni, Centri per l'impiego, ecc.) che eseguiranno la procedura per suo conto.
Il modulo, che ha un numero identificativo univoco, dovrà poi essere consegnato al datore di lavoro perché quest'ultimo faccia entro 5 giorni la propria comunicazione di cessazione.
Queste disposizioni valgono anche per collaboratori e associati in partecipazione che apportano solo lavoro.

Secondo me tutto questo è da pazzi e darà una marea di problemi sopratutto ai dipendenti. La prima assurdità è che vengono fatte due comunicazioni, una da parte del lavoratore e una da parte del dipendente. Il secondo problema che balza all'occhio è che si introduce una burocratizzazione eccessiva nelle dimissioni, se fino a ieri io dipendente potevo andarmene senza particolari formalità adesso serve il bollo e il controbollo. Questo senza considerare che gli enti preposti a ricevere la documentazione di solito sono spaventosamente sotto organico e davvero poco elastici. Se poi uno si dimette e non va a fare la famosa comunicazione che deve fare il datore di lavoro? Staremo a vedere come va ma io sono poco fiducioso.

vedi anche: pagina del Ministero del Lavoro

Nessun commento: