venerdì 7 marzo 2008

Riepilogo norme su bollatura libri e registri

Facciamo un piccolo riepilogo sulle modalità di bollatura di libri e registri.

Innanzitutto bisogna sottolineare che sono esclusi da bollatura (articolo 8 legge 383 del 18.10.2001, opera di Tremonti se non ricordo male) i registri rilevanti ai fini Iva e le scritture contabili rilevanti ai fini delle imposte ad eccezione del libro giornale, del libro inventari e da bollature eventualmente previste da leggi speciali.

Le modalità di bollatura e i registri da tenere variano a seconda della natura del soggetto.

Imprese individuali
  • Libro giornale, Libro inventari
    Bollatura iniziale: No
    Tassa di concessione governativa: No
    Bollatura: 2 marche da bollo (29,24 euro) ogni 100 pagine o frazione
Società di persone, Società cooperative e Società di mutua assicurazione
  • Libro giornale, Libro inventari
    Bollatura iniziale: No
    Tassa di concessione governativa: No
    Bollatura: 2 marche da bollo (29,24 euro) ogni 100 pagine o frazione

  • Libri sociali (anche tenuti volontariamente in assenza di obbligo di legge)
    Bollatura iniziale: Si
    Tassa di concessione governativa: Tassa iniziale per libro euro 67 (ogni 500 pagine o frazione)
    Bollatura: 2 marche da bollo (29,24 euro) ogni 100 pagine o frazione
Società di capitali, Società consortili a responsabilità limitata
La tassa di concessione governativa è dovuta ogni anno in misura forfettaria (pari a euro 309,87 se hanno un capitale inferiore a euro 516.456,90 o a euro 516,46 se superiore, vedi apposito post).
  • Libro giornale, Libro inventari
    Bollatura iniziale: No
    Tassa di concessione governativa: Forfettaria (vedi sopra)
    Bollatura: 1 marca da bollo (14,62 euro) ogni 100 pagine o frazione

  • Libri sociali (anche tenuti volontariamente in assenza di obbligo di legge)
    Bollatura iniziale: Si
    Tassa di concessione governativa: Forfettaria (vedi sopra)
    Bollatura: 1 marca da bollo (14,62 euro) ogni 100 pagine o frazione

Nessun commento: