lunedì 4 agosto 2008

Ravvedimento operoso e anni bisestili

Per la serie "spacchiamo il capello in quattro" l'Agenzia delle Entrate con la Risoluzione Ministeriale n. 296/E del 14.07.2008 comunica che anche in caso di anno bisestile il calcolo degli interessi deve essere fatto utilizzando al denominatore il numero di giorni che compone l'anno civile (365). Questo in quanto in caso contrario si creerebbe una differenza di trattamento tra un ravvadimento effettuato in un anno ordinario rispetto ad uno effettuato in un anno bisestile.

La formula quindi resta:

Interesse = (C x R x N) / 365

Dove C è l'imposta non versata, R è il saggio di interesse legale (dall'1.1.08 pari al 3%) e N il numero di giorni di ritardo.

Nessun commento: