mercoledì 28 gennaio 2009

Abolizione libro dei soci

Con l'approvazione definitiva del decreto anticrisi n.185 del 2008 è stata prevista l'abolizione del libro dei soci per le Srl.

Sorvolando sul fatto che questo decreto è diventato quello che gli anni scorsi era la legge Finanziaria, un'accozzaglia di norme totalmente slegate sotto la bandiera della lotta alla crisi economica, quello che a noi interessa sono i commi da 12-quater a 12-undecies (già questo è quasi comico) dell'articolo 16 che vanno a modificare vari articoli del codice civile (2470 e segg.).

Come risultato di tali cambiamenti non è più dovuta la tenuta e di conseguenza la vidimazione del libro dei soci. Inoltre per determinare l'efficacia del trasferimento nei confronti della società si fa ora riferimento all'iscrizione dell'atto presso il registro delle imprese.

Sempre nell'articolo 16, al comma 10-bis sono presenti alcune correzioni alla possibilità da parte dei commercialisti di procedere al trasferimento delle quote. È stato previsto che l'imposta di bollo dovuto in tali atti è pari a 14,62 euro ogni 100 righe come per i notai. La registrazione degli atti di trasferimento di quote all'Agenzia delle Entrate deve essere effettuata obbligatoriamente in via telematica. Di seguito il testo di questi due commi:
10-bis. Gli intermediari abilitati ai sensi dell’articolo 31, comma 2-quater, della legge 24 novembre 2000, n. 340, sono obbligati a richiedere per via telematica la registrazione degli atti di trasferimento delle partecipazioni di cui all’articolo 36, comma 1-bis, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, nonché al contestuale pagamento telematico dell’imposta dagli stessi liquidata e sono altresì responsabili ai sensi dell’articolo 57, commi 1 e 2, del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131. In materia di imposta di bollo si applicano le disposizioni previste dall’articolo 1, comma 1-bis.1, numero 3), della tariffa, parte prima, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, come sostituita dal decreto del Ministro delle finanze 20 agosto 1992, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 196 del 21 agosto 1992, e successive modificazioni.
10-ter. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate sono stabiliti i termini e le modalita di esecuzione per via telematica degli adempimenti di cui al comma 10-bis.
Posta un commento