martedì 6 gennaio 2009

Contribuenti minimi e impresa familiare

I contribuenti minimi hanno una disciplina particolare relativamente al caso di impresa familiare.

Nella bozza delle istruzioni dell'Unico 2009 si legge infatti:
Si precisa che, nel caso in cui l'imprenditore nell'ambito dell'attività dell'impresa familiare, si sia avvalso del regime dei contribuenti minimi... i collaboratori familiari sono esonerati dagli obblighi dichiarativi e di versamento riferibili al reddito ad essi imputato dall'imprenditore, in quanto l'imposta sul reddito prodotto dall'impresa familiare è stata versata interamente dall'imprenditore.
In sostanza quindi i titolari non divideranno il loro reddito con il titolare attraverso il loro quadro H ma il relativo reddito sarà interamente assoggettato all'imposta sostitutiva pari al 20%.

Il reddito attribuito ai collaboratori sarà conteggiato unicamente per il calcolo delle detrazioni per carichi di famiglia. Infatti all'articolo 9, c. 1, del d.m. del 2 gennaio 2008 (attuativo della Finanziaria 2008) si legge che:
Ai fini del riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia ai sensi dell'art. 12, comma 2, del testo unico rileva altresì il reddito determinato ai sensi dell'art. 1, comma 104, della legge.
Il titolare dovrà quindi compilare il quadro RS indicando il reddito imputato al collaboratore per permettere all'amministrazione finanziaria di effettuare i necessari controlli se il collaboratore aveva o meno il diritto alle detrazioni che ha indicato nella sua dichiarazione.

Nessun commento: