venerdì 15 ottobre 2010

Niente Irap per le piccole imprese

La Corte di Cassazione ha inflitto un nuovo colpo all'imposta più odiata dalle imprese italiane: l'Irap. Le massime della Cassazione e a seguire le ormai infinite sentenze delle commissioni tributarie di tutta Italia avevano fino ad oggi escluso dall'applicazione dell'imposta solo i professionisti senza beni strumentali significativi o utilizzo consistente di lavoro altrui.
Adesso con una serie di sentenze (la n. 21122, 21123 e 21124) tale esenzione è stata estesa anche alle micro imprese. In particolare le sentenze riguardano un coltivatore diretto, un tassista e un artigiano.
I giudici hanno stabilità che il requisito dell'autonoma organizzazione non è, come sosteneva l'Agenzia delle Entrate, implicito nell'attività svolta. Per l'Erario solo il fatto di essere un tassista (o più in generale di svolgere un'attività di impresa) presupponeva che ci fosse un'autonoma organizzazione. La Cassazione spazza via qualsiasi automatismi in tal senso lasciando che sia il giudice di merito a determinare o meno la presenza di autonoma organizzazione. Se la commissione tributaria stabilisce che l'autonoma organizzazione manca salta anche l'assoggettabilità ad Irap.

Per autonoma organizzazione si intende una struttura tale che superi il lavoro personale dell'imprenditore e costituisca "organizzazione di capitale o lavoro altrui".Perché sussista autonoma organizzazione, dice la corte, il contribuente deve:
  • essere responsabile dell'organizzazione e non inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità e interesse
  • utilizzare beni strumentali eccedenti il minimo indispensabile per lo svolgimento dell'attività o utilizzare non occasionalmente lavoro altrui
Le sentenze della Cassazione sono un gran bello spunto per buttare giù i ricorsi.

Ora non resta che attendere che l'Agenzia delle Entrate si adegui a tali direttive della Corte e sperabilmente che il legislatore si decida una volta per tutte a definire in maniera oggettiva le fasce di esenzione da Irap o che abolisca questa sorta di mostro tributario che ci portiamo dietro da tanti, troppi anni.
Posta un commento