lunedì 12 marzo 2012

Novità su ristrutturazioni e risparmio energetico (36% e 55%)


Il D.L. 201/2011 (il Salva Italia) ha prorogato, per l’anno 2012, la detrazione del 55% per le spese sostenute in relazione alle proprie abitazioni in tema di risparmio energetico (finestre, coibentazioni, pannelli solari, caldaie ad alta efficienza, ecc.).
Inoltre nello stesso provvedimento, la detrazione Irpef del 36% sugli interventi di recupero edilizio eseguiti sulle singole unità immobiliari residenziali è introdotta a regime (non avrà quindi bisogno di un rinnovo annuale). Tale agevolazione è estesa, dal 1.01.2012, anche agli interventi di ricostruzione e ripristino degli immobili danneggiati a seguito di calamità naturali.
Rispetto al passato i provvedimenti che si sono succeduti dal 2011 hanno introdotto diverse novità.


  • Eliminato l'obbligo di inviare la comunicazione preventiva di inizio lavori al Centro operativo di Pescara delle Entrate per i cantieri e gli interventi iniziati dal 14 maggio 2011;
  • Per gli interventi iniziati nel 2011 e proprio a causo dell'eliminazione della comunicazione al centro di Pescara, è stato previsto l'inserimento nella dichiarazione dei redditi (730 e Unico) dei dati catastali degli immobili ristrutturati
  • Dal 14 maggio 2011 è stato eliminato l'obbligo di indicare separatamente nelle fatture il costo della manodopera impiegata nei lavori;
  • Per i rogiti stipulati dal 17 settembre 2011 in poi è possibile accordarsi per trasferire le detrazioni – sia del 36% che del 55% – tra venditore e compratore. Dal 1° gennaio 2012 è stato precisato che, nel silenzio dell'atto, il bonus passa all'acquirente;
  • Per le sole spese sostenute dal 1° gennaio 2012, viene meno la possibilità di accorciare la detrazione (a cinque o tre rate) per i contribuenti oltre i 75 e gli 80 anni d'età;
  • Da gennaio 2012 scatta l'estensione della detrazione 36% ai lavori di riparazione degli immobili danneggiati da calamità naturali. Tali calamità possono anche anteriori al 2012 ma deve essere stato dichiarato lo stato d'emergenza
  • Dal 1º gennaio 2012 la detrazione del 55% si applica agli scalda acqua con pompa di calore (con un limite di spesa di 30mila euro).


Posta un commento