mercoledì 26 settembre 2012

Esonero responsabilità solidale dell'appaltatore per iva e ritenute

Facendo seguito all'articolo dell'altro giorno sulla nuova disciplina relativa alla responsabilità dell'appaltatore e del subappaltatore si era posto il problema di come riuscire a dimostrare il regolare pagamento dell'iva e delle ritenute dei dipendenti relative alle fatture.
La soluzione più semplice sembra quella di produrre una attestazione da parte del commercialista e del consulente del lavoro dove attestano sotto la loro responsabilità il regolare svolgimento degli adempimenti. Anche perché l'alternativa e cioè quella di consegnare tutti gli F24, i registri IVA, le liquidazioni e i calcoli delle tasse dei dipendenti non sembra facilmente percorribile.

Purtroppo però anche in questo caso ci sono tutta una serie di problemi interpretativi e di casi particolari da valutare. Ad esempio come ci si deve comportare nel caso in cui il pagamento è previsto prima del termine di pagamento della liquidazione iva dove confluirà la fattura? Tutte le imprese tendono infatti dove possibile nel caso di prestazione di servizi a fare la fattura al momento del pagamento per non dover anticipare l'imposta, e se poi quell'iva non viene versata?

Insomma come giustamente si dice sul Sole di oggi: "Il vero problema è che prima si scrive la norma (che non avendo disposizioni transitorie, è già in vigore dal 12 agosto) e solo dopo si riflette sul suo funzionamento". Mi sento di sottoscrivere in pieno.
Posta un commento