mercoledì 12 settembre 2012

Imposta pubblicità su gru e altre macchine di cantiere


Per la serie attacchiamoci a qualsiasi cosa è stato pubblicato il decreto (articolo 3, comma 16 sexies, d.l. 16 del 2012 conv. in L. 44 del 2012) che disciplina l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità sui marchi inseriti nelle gru e negli altri macchinari utilizzati dai cantieri edili.

L'imposta è dovuta, nella misure ordinarie, solo se il marchio supera la dimensione prevista dalla normativa e parametrata all'altezza del macchinario. In particolare niente è dovuto per marchi:

  • fino a 2 mq per le gru e le macchine con sviluppo potenziale in altezza fino a 10 metri lin­eari;
  • fino a 4 mq per le gru e le macchine con sviluppo potenziale in altezza oltre i 10 e fino a 40 metri lineari;
  • fino a 6 mq per le gru e le macchine con sviluppo potenziale in altezza superiore a 40 metri lineari.

L'imposta è dovuta in base alla superficie complessiva dei marchi installati su ciascun bene mobile, per anno solare. Competente a ricevere il pagamento è il comune dove ha sede l'impresa produttrice dei beni.

Le imprese produttrici delle gru e delle macchine da cantiere, ai fini del riconoscimento dell'esenzione, hanno facoltà di ridurre le dimensioni dei marchi, eventualmente apposti prima della pubblicazione del decreto (9 agosto 2012), al di sotto dei limiti dimensionale sopra indicati, entro il 9 febbraio 2013.
Posta un commento